La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

  



Il progetto “Riprendo la storia” nasce nel 2017, con l'edizione "L'Italia alla Grande Guerra" per iniziativa di Istituto di studi storici Gaetano Salvemini e Associazione culturale Compagnia Marco Gobetti, grazie a una fitta rete di collaborazioni e sostegni.

L'edizione 2018-19, "Conflitto, lavoro e migrazione dalle Langhe al mondo", è progettata e realizzata da Associazione Turismo in Langa, Istituto di studi storici Gaetano SalveminiAssociazione culturale Compagnia Marco Gobetti, Compagnia La robe à l'envers, Comune di Rodello, Associazione Strada Romantica delle Langhe e del Roero, con il Patrocinio di LUHCIE – Laboratoire Universitaire Histoire Cultures Italie Europe. ll progetto è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo, nell’ambito del “Bando Polo del ‘900”, destinato ad azioni che promuovono il dialogo tra ‘900 e contemporaneità usando la partecipazione culturale come leva di innovazione civica #CSP_Innovazionecivica.
E con il sostegno della Fondazione CRT e del Consiglio Regionale del Piemonte - Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana.

Riprendo la Storia


LEZIONI RECITATE
Polo del '900 - 4-5-6 settembre 2018 (ingresso libero e gratuito)
 Formazione storica per attori e cittadini

Scopri i Vincitori del "Premio Lezioni recitate"

4-5-6 settembre 2018 Polo del 900, Torino (ingresso libero e gratuito)
Fo
rmazione
storica per gli attori, frequentabile dalla cittadinanza

Dal 10 al 14 e dal 17 al 21 settembre 2018, dalle 9.00 alle 17.30
Polo del 900, Torino (ingresso libero e gratuito)
Creazione teatrale pubblica: prove frequentabili dalla cittadinanza


Le anteprime delle Lezioni recitate a Torino


Le prime nazionali nei castelli in Langa

 

Scarica il comunicato stampa

Il 4-5-6 settembre, presso la Sala 900 del Polo del 900 di Torino, in Via del Carmine 14, sarà possibile assistere alla prima fase della preparazione delle nuove Lezioni recitate, ascrivibili a diverse discipline e riconducibili ai temi del conflitto, del lavoro e della migrazione.

Le nuove “Lezioni recitate” sono il frutto di un laboratorio storico-teatrale per attori organizzato dalla Compagnia Marco Gobetti, insieme all'Istituto di studi storici Gaetano Salvemini e all'Associazione Turismo in Langa: si giungerà alle anteprime presso il Polo del ‘900 e alle prime nazionali nei castelli delle Langhe, tramite un percorso di formazione storica e creazione pubblica, che gli attori condivideranno con gli studenti e con la cittadinanza.

In questi primi giorni gli attori, insieme al pubblico che vorrà intervenire – a ingresso libero e gratuito – fruiranno di una formazione storica legata ai temi delle nuove Lezioni recitate.

Martedì 4 settembre

dalle 9.30 alle 12.30, il primo incontro: un percorso a partire dal testo della lezione recitata "ENEA PROFUGO" di Franco Pezzini. La relazione storico-letteraria, a cura dello stesso Franco Pezzini, sarà integrata da proiezioni video e letture sceniche.

Dalle 14.30 alle 17.30, il percorso a partire dal testo della lezione recitata "CONFLICT ARCHAEOLOGY – Quel che resta della Grande Guerra" di Valentina Cabiale. Alla relazione della stessa Valentina Cabiale, si affiancherà l’intervento di Claudio Vercelli; seguirà la proiezione del documentario "Punta Linke. La memoria", regia di Paolo Chiodarelli (produzione di Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento - Ufficio beni archeologici).

Mercoledì 5 settembre

dalle 9.30 alle 12.30, sarà la volta del percorso a partire dal testo della lezione recitata: "ARMARE IL CONFINE. Chiudere le frontiere per aprirsi al conflitto: retorica e propaganda dalle trincee ai tempi di Frontex" di Anna Delfina Arcostanzo. Relatori, insieme ad Anna Delfina Arcostanzo, saranno Diana Carminati e Maurizio Pagliassotti.

Dalle 14.30 alle 16.00, interverrà Beppe Turletti con “E andavo in Fransa e andavo in Merica. L’emigrazione dalla provincia di Cuneo verso la Francia e il Sud America", con la partecipazione del gruppo musicale Cantambanchi; un percorso questo, che attinge alla drammaturgia di un’altra azione, tutt’ora in corso, all’interno di “RIPRENDO LA STORIA - Conflitto, lavoro e migrazione dalle Langhe al mondo”: "IM/E-MIGRAZIONI", a cura di Elena Bosco (Compagnia La robe à l'envers) e dello stesso Beppe Turletti.

Dalle 16.00 alle 17.30 seguirà l’intervento “NON A MEMORIA. Il Novecento come laboratorio civile”, con Diego Guzzi (Unione culturale Franco Antonicelli).

Giovedì 6 settembre

dalle 9.30 alle 11.00, Pietro Polito (Centro studi Piero Gobetti) interverrà con “Le culture non violente”, mentre dalle 11.00 alle 12.30 Marco Brunazzi (Istituto di studi storici Gaetano Salvemini) introdurrà i temi del pomeriggio, con l’intervento dal titolo “Introduzione a Gaetano Salvemini”.

Dalle 14.30 alle 17.30, il percorso a partire dal testo della Lezione recitata
"MERIDIONE, LAVORO, MIGRAZIONE, GUERRE ED ESILIO: SALVEMINI E I CONFLITTI DEL ‘900" di Leonardo Casalino, che interviene con una relazione dal titolo: “Un lungo filo rosso: Salvemini, Alexander Langer, Luca Rastello e Alessandro Leogrande. Un percorso possibile su conflitti, lavoro, migrazioni ed esilio tra Ventesimo e Ventunesimo secolo”. Seguirà la proiezione del documentario "Salvemini professor Gaetano, sovversivo", per la regia di Niccolò Bruna, Italia 2008 – Produzione Istituto di studi storici Gaetano Salvemini.


2018-19 vai ai credits

 

2017  vai ai credits

Credits 2017Credits 2017